Filtra per Categoria
Autonomia Bolognese
Autonomie del Meridione
Fondo DeriveApprodi
Collettivi Politici Veneti
Autonomia Toscana
Blog

di Fran­ce­sco Cirillo

Un lavo­ro monu­men­ta­le di cir­ca 900 pagi­ne che usci­rà in tre volu­mi e che oggi vede l’uscita in tut­te le libre­rie del pri­mo volume. 

Si trat­ta del­la sto­ria qua­si sco­no­sciu­ta dell’Autonomia Meri­dio­na­le rac­con­ta­ta dai suoi stes­si mili­tan­ti. Una sto­ria avvin­cen­te che dimo­stra come il sud dagli anni Set­tan­ta in poi sia sta­to una fuci­na di lot­te auto­no­me e cla­mo­ro­se che han­no visto lo Sta­to pron­to alla repres­sio­ne ed alla car­ce­ra­zio­ne di cen­ti­na­ia di atti­vi­sti in pri­ma linea nel­le lot­te di ope­rai, con­ta­di­ni, pro­le­ta­ria­to in genere. 

Il pri­mo volu­me edi­to da Deri­ve ed Appro­di è cura­to da Anto­nio Bove, medi­co napo­le­ta­no del col­let­ti­vo poli­ti­co Csoa Offi­ci­na 99 e dell’area anta­go­ni­sta napo­le­ta­na e Fran­ce­sco Festa luca­no anch’egli di offi­ci­na 99 e del movi­men­to no glo­bal meridionale. 

Il volu­me è il deci­mo del lavo­ro com­ples­so fat­to dal­la casa edi­tri­ce sull’autonomia ope­ra­ia ita­lia­na, ed è il pri­mo su quel­la meri­dio­na­le. Al pri­mo lavo­ro han­no par­te­ci­pa­to Alfon­so Natel­la, saler­ni­ta­no , che rac­con­ta del libro “Voglia­mo Tut­to” di Nan­ni Bale­stri­ni del qua­le è sta­to il pro­ta­go­ni­sta ; Anto­nio Bove e Fran­ce­sco Festa con un sag­gio sul­le ori­gi­ni del meri­dio­na­li­smo; Fran­ce­sco Caru­so che par­la del Sud ribel­le e del­le sue ori­gi­ni; Giso Amen­do­la che affron­ta la que­stio­ne del rifiu­to del lavo­ro al sud; Clau­dio Dio­ne­sal­vi che con­ver­sa con Fran­co Piper­no sull’autonomia; Lan­fran­co Cami­ni­ti che par­la dei “Pri­mi fuo­chi di guer­ri­glia” l’unica orga­niz­za­zio­ne auto­no­ma extra lega­le del sud e chiu­do­no Anto­nio Bove e Fran­ce­sca Festa sul­le lot­te avve­nu­te a Napo­li fra Bagno­li e i con­trab­ban­die­ri autonomi. 

Un volu­me estre­ma­men­te inte­res­san­te ed uni­co che rom­pe un luo­go comu­ne, spes­so esi­sten­te anche fra gli stes­si atti­vi­sti dell’estrema sini­stra che al sud non si sia mos­so nien­te in quei favo­lo­si anni 70.