Filtra per Categoria
Autonomia Bolognese
Autonomie del Meridione
Fondo DeriveApprodi
Collettivi Politici Veneti
Autonomia Toscana
Blog

Classe operaia n° 10–12

  • Clas­se e partito
  • Ven­t’an­ni di lot­te politiche
  • Ven­t’an­ni di via democratica
  • Date di sto­ria del PCI
  • Dal­la “lega dei comu­ni­sti” al “par­ti­to nuovo”
  • Il par­ti­to nel­la fabbrica
  • Il par­ti­to come istituzione
  • Il par­ti­to nel­la congiuntura

La voce operaia – anno IV n. 16 – 8 novembre 1975

ARCHIVIO PERSONALE VISCONTE GRISI

PRIMO MAGGIO n° 18

  • 3 Gli emi­gra­ti ita­lia­ni e l’I­WW di Bru­no Cartosio
  • 15 Mila­no: vive­re da pre­ca­ri di Cosi­mo Scarinzi
  • 23 Inter­vi­sta: Ver­ten­ze lega­li come fon­te di reddito
  • 27 Da “Don Lisan­der” alla “Calu­sca”. Auto­bio­gra­fia di Pri­mo Moroni
  • 38 Un’o­pi­nio­ne diver­sa su: “La clas­se ope­ra­ia ita­lia­na e la Polo­nia” di Atti­lio Mangano
  • 42 Rispo­sta a Man­ga­no di “Pri­mo Maggio”
  • 47 L’al­ter­na­ti­va di Ranie­ro Pan­zie­ri di Vit­to­rio Reiser
  • 55 Appun­ti su Tol­kien e Il signo­re degli anel­li di San­dro Portelli 

L’altra Linea. Fortini, Bosio, Montaldi, Panzieri e la nuova sinistra

Atti­lio Man­ga­no, L’al­tra linea. For­ti­ni, Bosio, Mon­tal­di, Pan­zie­ri e la nuo­va sini­stra, Pul­la­no Edi­to­ri, Catan­za­ro 1992


C’è una gene­ra­zio­ne che ini­zia il suo lavo­ro intel­let­tua­le mili­tan­te negli anni del­l’e­ge­mo­nia mode­ra­ta del togliat­ti­smo e si sot­trae al fasci­no poli­ti­ci­sta del­lo sta­li­ni­smo ita­lia­no ela­bo­ran­do meto­di di ricer­ca socia­le e stru­men­ti di cul­tu­ra poli­ti­ca nuo­vi. Fran­co For­ti­ni e Gian­ni Bosio, Dani­lo Mon­tal­di e Ranie­ro Pan­zie­ri – oggi che la fine del socia­li­smo rea­liz­za­to sem­bra voler can­cel­la­re dal­la memo­ria accan­to al comu­ni­smo ter­zin­ter­na­zio­na­li­sta anche mili­tan­ti diver­si, inquie­ti, cri­ti­ci, ete­ro­dos­si e liber­ta­ri – appar­ten­go­no a que­sta gene­ra­zio­ne che ha dato luo­go alla cul­tu­ra del­la nuo­va sini­stra degli anni Ses­san­ta e Set­tan­ta. Diver­si fra loro per opzio­ne poli­ti­ca e ideo­lo­gi­ca, si incon­tra­no e si divi­do­no, col­la­bo­ra­no e pole­miz­za­no men­tre in real­tà sono acco­mu­na­ti da una meto­do­lo­gia (anta­go­ni­smo socia­le, movi­men­to di base, pri­ma­to del sog­get­to-clas­se sul par­ti­to-pre­di­ca­to, azio­ne dal bas­so, cono­scen­za con­cre­ta, co-ricer­ca e inchie­sta) che rima­ne a fon­da­men­to del­la diver­si­tà e ori­gi­na­li­tà del­la nuo­va sini­stra. La rete del­l’in­tel­let­tua­li­tà di mas­sa sor­ta dopo il ’68, e anco­ra in cer­ca di nuo­ve vie di usci­ta dal­le ipo­te­che mode­ra­te del­la sini­stra ita­lia­na, può ritro­va­re in quel­la meto­do­lo­gia l’in­di­ca­zio­ne di quel­la alter­na­ti­va dal bas­so di cui si ritor­na a parlare?